Dio è madre

theiosis teologia crocifissione blu nudo

 

 

Dio è madre

 

Rappresentare il Cristo con una donna; non per provocare, ma per riscoprire il movimento rivoluzionario dei “primi cristianesimi” nella sua purezza originaria, liberandomi di tutti i dogmi e pregiudizi, concentrandomi unicamente sull’assoluta modernità del messaggio dei Vangeli.

Ecco allora che tutto si compie nel discorso delle beatitudini dove anche gli ultimi e i perseguitati saranno (sono?) beati, non meno dei poveri di spirito, perchè ognuno di loro, nella loro assoluta dignità individuale è Cristo.

E’ quindi nella consapevole ricerca e vocazione al bene che noi uomini possiamo ambire a Dio, nell’accettare cioè una sfida in contrapposizione al Male pur sapendo di affrontare una battaglia che ci vedrà perennemente perdenti, una battaglia che però permette all’umanità di divenire (in uno sforzo sovra-umano e quindi mai pienamente realizzabile), finalmente ad immagine e somiglianza di Dio.

Rappresentare il Male come un immaginario vaso di Pandora invertito, unico possibile contenitore per il Bene: con la mia pittura voglio, o meglio provo, a rappresentare tutto questo con dei Cristi del quotidiano, dei Cristi domestici, con le sembianze di persone, e in modo particolare di donne, consapevole che “Dio è padre ma anche e soprattutto madre ” (citazione Giovanni Paolo I 10 settembre 1978 ).

 

 

 

 



One Comment